Con le varie e nuove generazioni di CPU proposte da AMD ed Intel, rivali da sempre in questo rigoglioso campo elettronico, siamo stati abituati a vedere evoluzioni sempre più eccezionali ed entusiasmanti delle proprie creazioni, con un numero di core (o unità di calcolo se preferite) sempre crescenti e dalle prestazioni sempre più elevate.

Ma oggi il vincitore non è né AMD, né Intel, bensì una CPU prodotta da IBM sotto consiglio del professore Bevan Bass dell’Università Davis (UC Davis) in California.

1,000 core e tanta potenza di calcolo

KiloCore è il nome del nuovo arrivato, un processore costruito con la tecnologia litografica CMOS a 32nm, con ben 1,000 core  ed un rate computazionale di 1.78 trilioni di istruzioni al secondo. La CPU contiene 621 milioni di transistor ed è, senza ombra di dubbio, il processore più potente al mondo.

I Core non sono l’unica chicca del prodotto

A stupire infatti, non è solo l’enorme quantità di core integrati nel processore (che già gli forniscono capacità di calcolo invidiabili) ma anche il clock (1.78 GHz, il più alto per un processore creato in università) e l’enorme risparmio energetico, che lo porta a consumare solo 0.7 Watt (enorme risparmio se consideriamo clock e numero di core interni), portandogli quindi anche il premio di processore col miglior risparmio energetico (potrebbe essere alimentato anche da una batteria AA).

l Core interni inoltre trasmettono dati gli uni verso gli altri invece di usare una memoria di pool condivisa, che avrebbe anche potuto portare a blocchi o rallentamenti, aumentando quindi l’efficienza del processore.

Come se non bastasse, ogni singolo core ha un clock indipendente, quindi può spegnersi a proprio piacimento per aumentare il risparmio energetico.

Se dovessi paragonare il mio super portatile da 4.000 euro, come si metterebbero le cose?

Detesto dare risposte così tristi. Beh, sarò franco, magari utilizzando una metafora carina. Prima ancora che tu abbia la possibilità di accendere il PC, KiloCore ti avrà già scavato tomba e preparato il funerale. Tecnicamente parlando, elabora informazioni almeno 100 volte più velocemente ed efficientemente di quanto non faccia un portatile top di gamma attualmente in commercio.

KiloCore è stato presentato al Symposium al VLSI Tecnology and Circuits ad Honolulu.

Via