Home / News / Muore il padre delle e-mail, si chiamava Ray Tomlinson

Muore il padre delle e-mail, si chiamava Ray Tomlinson

Aveva 75 anni il padre delle e-mail (mail elettroniche) ed è morto di arresto cardiaco. Si chiamava Ray Tomlinson e aveva fondato il primo sistema di posta elettronica sull’antenato di Internet, ARPANET (Advanced Research Projects Agency NETwork), la rete militare informatica statunitense che successivamente si è trasformata nel nostro universo quotidiano.

Nel 1977 il suo sistema per le e-mail divenne un vero e proprio standard e fu da lì che la storia ebbe inizio e non si è ancora chiusa: quella delle mail che viaggiano ad alta velocità tramite parti di codice composti da 0 ed 1 (ed un futuro molto vicino anche da qualsiasi cifra decimale e non).

La @, in tutto questo, cosa c’entra?

Il signor Ray ha introdotto l’utilizzo della @ tramite lo standard user@host, che è successivamente diventato obbligatorio per la creazione di qualsiasi mail. Inoltre, la chiocciola è divenuta il vero e proprio “logo” di Internet (se non altro, nella cultura popolare).

Come se non bastasse, Ray per il suo lavoro ha ottenuto varie riconoscimenti, coma un posto nella “Internet Hall of Fame” ed il “Webby Award“, una specie di Oscar riferito ad Internet. Ad ogni modo, ci ha lasciato una delle più importanti ed usate vie di comunicazioni (soprattutto a livello professionale) che, ancora oggi, continua ad essere fondamentale anche per la mia personalissima attività. Un grosso grazie quindi a Ray Tomlinson ed al suo lavoro.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

#7.1 LINUX FA SCHIFO: L’ultras Linuxiano e chiarimenti

In questi ultimi giorni non potete sapere quanto mi avete fatto divertire. Davvero, non scherzo: …