Si torna ancora a parlare di ReactOS, un sistema su cui tutti, me compreso, puntano molto, un sistema operativo che riscrive da 0 ciò che Microsoft Windows è: un sistema operativo in grado di eseguire file con estensione .exe, .msi ecc, senza bisogno di un emulatore o di un insieme di librerie possono essere (come ad esempio l’ottimo WINE).

La volta scorsa abbiamo visto ReactOS 0.4.0, che ha aggiunto diversi miglioramenti per l’interfaccia SATA e molto altro, senza dimenticarci del supporto al file-system BTRFS arrivato di recente. Ma adesso ReactOS 0.4.1 è stato rilasciato e tutte queste novità le ha messe insieme.

  • Attivazione Contesto – una correzione che è venuta appena un po’ troppo tardi per la 0.4.0, che risolve un problema nel caricatore che impediva alle applicazioni a seconda delle varie versioni della libreria MSVCRT di funzionare correttamente.
  • Supporto BTRFS – introdotto il supporto alla lettura ed alla scrittura iniziale attraverso l’importazione del driver WinBtrfs.
  • Shell – Miglioramenti generali di usabilità come un rendering corretto delle icone e migliorate le visualizzazioni delle cartelle.
  • USB – Una varietà di correzioni che dovrebbe permettere a più dispositivi USB connessi di crashare di meno
  • Macchina virtuale e le cartelle condivise – ReactOS ora supporta correttamente le cartelle condivise delle macchine virtuali come VirtualBox e VMware Player tramite risorse di rete.
  • Migliorato il supporto disco – una migliore individuazione delle unità disco e l’interfacciamento con i controller AHCI aggiornato UniATA.

Trovate l’annuncio ufficiale qui.

Info e Download!

Homepage ReactOS

Scaricate ReactOS 0.4.1 da qui!