Home / News / Tabacchi e gioco d’azzardo: quanto guadagna lo Stato Italiano?

Tabacchi e gioco d’azzardo: quanto guadagna lo Stato Italiano?

La crisi economica ha portato ad una serie di cambiamenti nello stile di vita dei cittadini italiani e parecchi settori produttivi hanno subito un netto calo dei profitti, mentre altri hanno dovuto adeguarsi alle nuove esigenze del mercato per mantenere un buon rendimento.

Tuttavia, nonostante le difficoltà finanziarie in cui versa una parte della popolazione, il giro d’affari che ruota intorno ai cosiddetti ‘vizi’, come il fumo ed il gioco d’azzardo, non accenna a diminuire: secondo recenti rilevazioni effettuate dagli esperti, infatti, lo Stato Italiano ha incassato cifre astronomiche, derivanti dall’elevata tassazione relativa alle suddette categorie.

Nello specifico, in un solo anno, sigarette e tabacchi hanno fruttato un miliardo di euro alle casse statali: questa cifra non si riferisce alla spesa complessiva degli italiani, che è di gran lunga superiore, bensì alla somma delle imposte relative a questa tipologia di prodotti.

Il settore del tabacco subisce una tassazione particolarmente elevata, dovuta sia all’IVA pari al 22% sul prezzo di mercato, sia alle accise e ai dazi, che variano a seconda della categoria e della provenienza dei singoli prodotti: basti pensare che il costo delle ‘bionde’, così come del tabacco sfuso venduto in pacchi, è aumentato progressivamente nel corso degli ultimi anni.

Un simile discorso vale anche per il mondo del gioco d’azzardo, uno tra i più produttivi in assoluto, sia in Italia che a livello globale: slot-machines, scommesse sportive, videopoker, gratta e vinci e lotterie di ogni tipo costituiscono uno dei passatempi più diffusi tra la popolazione italiana, sempre più appassionata al ‘brivido’ della sfida alla dea bendata.

Gli incassi relativi al gioco d’azzardo, per lo Stato Italiano, sono ancora più cospicui rispetto a quelli inerenti al fumo: si parla di ben 90 miliardi di euro derivanti dalla tassazione in atto, una cifra elevatissima, destinata ad aumentare per via della crescita serrata di questo settore.

A contribuire al successo del gioco d’azzardo ci pensa anche il mondo, di recente creazione, del gaming online: la rivoluzione tecnologica degli ultimi decenni ha dato vita ad attività commerciali che, fino a qualche tempo fa, erano del tutto fantascientifiche, come nel caso dei cosiddetti casino online, oggi luogo virtuale di ‘ritrovo’ per migliaia di appassionati.

Del resto, l’offerta digitale è davvero ampia: si va dalle ‘macchinette’, simili in tutto e per tutto a quelle ‘fisiche’, ai videopoker, fino ai giochi da casino, come roulette e black jack, spesso disponibili in tantissime versioni differenti.

Il gioco d’azzardo digitale risulta particolarmente competitivo anche per via della tassazione che, al giorno d’oggi, è ancora contenuta, anche se si parla già di una modifica al regime fiscale, che potrebbe sferrare un duro colpo alle aziende che operano in questo campo.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

HandBrake 1.1 rilasciato!

HandBrake 1.1 è stato appena rilasciato e porta con sé diverse novità importanti, tra cui …