Home / Linux / #7 LINUX FA SCHIFO: Una difficile semplicità

#7 LINUX FA SCHIFO: Una difficile semplicità

L'attuale targeting Linux.

Per il settimo capitolo della rubrica LINUX FA SCHIFO avevo giusto in mente qualcosa di speciale, un argomento chicca che prendesse in seria considerazione (come spesso accade con questa mia rubrica) un aspetto critico dell’ottimo sistema operativo Linux.

Prima di eliminare il sito dai preferiti, colgo l’occasione per fare la SOLITA premessa (li abbassate i forconi mezzo secondo?): il seguente contenuto non è da intendere come “ah ma ti stai lamentando di Linux?” ma invece come “mi hai fatto riflettere su un aspetto molto interessante, un aspetto migliorabile, facendomi anche fare 4 risate :D”. In caso vi sentiste toccati negativamente dall’argomento, beh, fate una telefonata all’UNICEF (o al WWF).

Ma passiamo a noi.

Anzi. Prima vi linko il capitolo precedente (non si sa mai vogliate farvi quattro risate):

#6 LINUX FA SCHIFO: Una GTX 970 per XMoto?

Il paradosso dell’intelligenza

Vogliate scusarmi per le seguenti riflessioni filosofiche, ma sono necessarie per introdurre il contenuto di cui parlerò in questo capitolo della rubrica.

Alcuni dicono che il sorriso sia direttamente proporzionale al proprio livello d’intelligenza. Semplificando, se sei scemo sorridi di più di uno che sa fare 2+2 (o il difficilissimo 2×3). Ora, è logico pensare che chi non sia proprio un genio riesca generalmente a sorridere mediamente di più di uno che si rende conto di come funzionino alcune cose, di cosa pensi un’altra persona, di cosa potrebbe succedere. Ma si, ovviamente, resta una estrema generalizzazione. In fondo, anche chi non ha almeno 4 neuroni riesce a sorridere spesso.

Una proporzione raffigurata.

vi starete chiedendo perché vi ho portato questo esempio. Beh, morirete col dubbio.

No a parte gli scherzi, c’è veramente un motivo. Applicate questo esempio alla semplicità d’uso del sistema operativo Linux, paragonandolo direttamente a Windows e MAC OS. Se effettuerete alcune considerazioni (piuttosto elementari aggiungerei), è palese come Linux soffra, al momento, di un enorme problema, che non è solamente quello (indiretto e senza colpe) di non avere a disposizione molti software commerciali e non (di una certa fama e diffusione)(che si è grave, ma voglio dire, non è colpa dell’OS: la semplicità, l’ergonomia, la praticità (non rompete i maroni suvvia, ergonomia è usato in maniera astratta, vade retrum prof d’italiano che popolate il web).

Windows VS Linux VS MAC OS.

questa piccola, semplice pic ci mostra in maniera veloce uno tra i più gravi problemi di Linux al momento.

Rifletteteci:

  • Windows: scaricate un programma, lo installate, lo usate;
  • Mac OS: scaricate un programma, lo installate, lo usate;
  • Linux: scaricate un programma (se esiste per la vostra distro), lo installate (se tutte le dipendenze sono soddisfatte)(se non lo sono dovete scaricarle/modificarle una ad una, sempre se possibile), lo usate (ammesso riusciate ad installarlo, ammesso non si debba avviare per forza dal terminale, ammesso si avvii).

ora, ho volutamente omesso (per farvi concentrare maggiormente sul discorso) alcuni aspetti per i due OS che non hanno parentesi, come la maggior semplicità di prendere virus su Windows o la maggior semplicità nel..non trovare quel programma su MAC OS.

Ma il problema resta quello: Linux non è adatto ai nuovi utenti o a coloro che non hanno un minimo di dimestichezza coi PC.

Questo problema ne limita ENORMEMENTE la diffusione a livello desktop. L’utente medio è capace solamente di scaricare, installare e usare, tutto con dei semplici click del mouse. Su Linux, in genere, questo non è possibile e c’è spesso bisogno di una mano sul terminale, di una modifica manuale su di un file, di un passaggio aggiuntivo ecc.

 Vediamola da un altro punto di vista..

Windows e MAC OS, entrambi questi sistemi hanno giocato su un ruolo chiave del tipo di utenza su cui hanno tutt’ora il proprio targeting: la stupidità dello stesso (pardon, le poche conoscenze).

Questi due sistemi hanno creato interfacce a prova d’idiota. Un click, un’azione. Terminale? e a che serve. Succede qualcosa? qualche problema? si risolve con un click (o con l’assistenza).

La tipologie d’interfacce di cui avrebbe bisogno Linux.

L’OS Linux ha bisogno di due prerequisiti davvero problematici per l’espansione Deskop: un’utente con una minima conoscenza informatica e voglia di fare. Una volta risolti questi (cosa che Ubuntu e simili stanno svolgendo sviluppando egregiamente) si potrà procedere ad un’espansione maggiorata.

Siete d’accordo? Non lo siete? Volete mettermi sotto con una Fiat Panda? fatemelo sapere nei commenti 😉

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Il Kernel Linux offrirà dei pattern programmabili per i LED!

Il controllo dei LED, soprattutto per quanto riguarda quelli con specifici pattern programmabili, ha da …