woman punching the hand of man wearing training gloves
Photo by Sabel Blanco on Pexels.com

Diventare personal trainer: percorso di studi e guadagno

Siamo all’inizio dell’anno e, di conseguenza, ci troviamo in un momento nel quale molte persone pensano alla loro carriera professionale.

Sei tra queste persone? Nel dettaglio, oggi andremo a scoprire come fare per poter diventare personal trainer, partendo dai corsi di studio richiesti, per arrivare al guadagno previsto per questa professione.

Insomma, se sei appassionato di fitness e il tuo obiettivo è quello di aiutare gli altri a stare bene, fisicamente e psicologicamente, attraverso lo sport, sei capitato nell’articolo giusto!

Come si diventa un personal trainer?

Iniziamo subito dal principio: per diventare personal trainer e, quindi, esercitare la professione avrai due opzioni.

La prima è quella di essere in possesso di una Laurea in Scienze Motorie, mentre la seconda strada è quella di ottenere un diploma rilasciato da un Ente di Promozione Sportiva riconosciuto dal Coni. Tuttavia, il solo titolo non ti basterà per diventare personal trainer.

Infatti, devi sempre valutare che il tuo lavoro sarà strettamente a contatto con il benessere dei tuoi clienti che, come abbiamo detto prima, dev’essere inteso sia dal punto di vista fisico, sia da quello psicologico.

Insomma, se ti metterai a cercare su Internet potresti imbatterti in numerosi corsi per diventare personal trainer della durata di soli due giorni. Ebbene sì, hai capito bene, due soli giorni.

Pensi che questo possa essere abbastanza per tenere tra le tue mani la salute delle persone?

Tutto questo per dire che l’attività sarà molto delicata e complessa e, pertanto, ti consigliamo di investire in corsi di formazione seri, senza prendere delle scorciatoie per poter iniziare a lavorare subito come personal trainer. Infatti, dovrai sempre considerare che la differenza tra te e un tuo concorrente sarà fatta dal tuo talento.

Diventare personal trainer: quali sono i requisiti necessari?

Prima di cominciare a studiare per diventare personal trainer, ti consigliamo di porti alcune domande. Infatti, solo rispondendo a queste potrai capire se la strada che hai intenzione di intraprendere possa essere quella giusta per te:

  • Sei appassionato di fitness? Ti piace allenarti? Se sì, quanto?
  • Vorresti lavorare direttamente a contatto con il cliente?
  • Vuoi fare dei sacrifici per migliorare sempre di più nel tuo lavoro?
  • Sei una persona che non smette mai di studiare, informarsi ed essere curiosa?
  • Sai essere una persona paziente?

Ebbene, se hai risposto in modo affermativo a queste domande, probabilmente la professione del personal trainer può essere davvero quella giusta per te.

Ricorda sempre che per fare bene il tuo lavoro, non bastano le sole competenze tecniche. Infatti, dovrai anche possedere delle doti relazionali, come l’etica, l’empatia e la tenacia. Saranno queste a distinguerti come personal trainer ed, indubbiamente, a renderti un grande professionista.

Serve la laurea per diventare personal trainer?

Come abbiamo anticipato nel corso dell’articolo, non è necessaria la laurea per diventare ufficialmente un personal trainer. Infatti, ti basterà essere in possesso di un diploma di qualifica rilasciato da un E.N.P.S. riconosciuto dal CONI.

Insomma, possiamo dire che la formazione universitaria viene spesso preferita in quanto consiste in un solido background, ma non è ritenuta indispensabile.

Quanto guadagna un personal trainer?

Eccoci arrivati all’ultimo argomento di questa guida su come diventare personal trainer. Nello specifico andiamo a parlare di guadagno che, come potrai ben immaginare, non si può stimare con certezza.

Infatti, sebbene si possa fare una media delle retribuzioni dei personal trainer in Italia, pari a 1.750€, il guadagno varia in funzione di diversi fattori.

Ad esempio, una posizione entry level, con poca esperienza, può prendere molto meno. In questi casi, si parla in media di 800€. Al contrario, una posizione affermata e, magari, in Partita IVA come libero professionista, può guadagnare anche 4.000€ al mese.

Abbiamo citato la Partita IVA perché questa consente di collaborare con molti più clienti, creando piani di allenamento personalizzati. In questi casi, infatti, se ti farai conoscere e ti affermerai nel settore, i tuoi guadagni potrebbero essere decisamente elevati.

Per maggiori informazioni sulla Partita IVA, ti consigliamo di parlarne con un commercialista, come il team di Fiscozen. Con loro potrai anche ricevere una consulenza gratuita e senza impegno per capire come fare ad intraprendere la professione.

Cosa stai aspettando?

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Smartphone: Gli scatti alla Luna sono falsi, e voi ci siete cascati.

Parliamo di un argomento spinoso, che mi fa crepare dalle risate. Non solo perché è …