Home / News / Finanza e tecnologia, cosa ci dobbiamo aspettare dal 2019

Finanza e tecnologia, cosa ci dobbiamo aspettare dal 2019

Anno nuovo vita nuova, un detto che vale in tutti i campi ivi compreso il mondo della finanza. Siamo nel campo degli investimenti, terreno che di recente si è aperto alle nuove tecnologie che hanno presentato strumenti quali robot per fare trading, piattaforme online che consentono l’accesso a tutti i principali mercati anche da un semplice smartphone, prodotti di finanza alternativa sui quali puntare.

È parere piuttosto diffuso, almeno ascoltando la gran parte degli operatori finanziari, che questa tendenza sarà destinata a rafforzarsi anche nei prossimi mesi nei quali sempre più gli investitori si affideranno alla tecnologia. Il 2018 è stato l’anno del trading online, partiamo da questo punto di vista: basandoci su quanto contenuto in siti di riferimento quali ad esempio Osservatoriofinanza.it, anche nell’anno appena entrato si rafforzerà la tendenza di investire utilizzando le piattaforme web. I broker online, questo il termine tecnico che delinea software moderni che hanno preso in tutto e per tutto il posto dei tradizionali promotori finanziari.

Una sfida che sembra essere destinata ad essere vinta anche nel settore della finanza dove il 2019 dovrebbe essere, secondo una indagine di IDC Italy prima società mondiale di ricerche di mercato, l’anno in cui il 60% dei CIO (Chief Information Officer) a livello mondiale avrà portato a termine il replatforming di ambienti applicativi e infrastrutturali in ottica cloud e mobile.
Questo non ha un legame stretto e diretto con il discorso della finanza ma rende bene l’idea di come il mondo si stia evolvendo e, soprattutto, di come ogni cosa si stia spostando in modo inesorabile sul web.

E la questione può essere approfondita anche sotto un’altra luce visto che grazie alla crescita di questa filosofia di investire in rete, stanno n scendo una serie di nuove figure professionali legate proprio al campo della finanza: i millennials, coloro i quali sono nati dal 2000 in poi, avranno modo di utilizzare naturalmente, senza forzature, strumenti di questi genere e di sognare di diventare trader sul web.
Questo è il termine da tenere a mente, con il quale si va a designare la figura di colui il quale investe in rete. Di pari passo con il mercato quindi, cresce un universo parallelo fatto di formazione, corsi, figure professionali alternative. Il tutto sempre ruotante attorno al concetto di investimenti online. La nuova frontiera della finanza passa in modo inevitabile dalla rete.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Ubuntu 20.04 LTS continua a rimuovere Python 2

Linux Ubuntu è seriamente intenzionato a rimuovere i propri pacchetti Python 2 dal proprio sistema …