Home / Android / Huawei bara ancora: I benchmark dei Kirin? tutti falsi!
Huawei...vergogna.

Huawei bara ancora: I benchmark dei Kirin? tutti falsi!

Dopo lo scandalo del vergognoso spot pubblicitario di una variante di Huawei P20Pro venduto in diversi paesi arabi (che potete visionare qui di seguito) in cui le foto, spacciate per quelle dello smartphone, erano in realtà scattate con macchine fotografiche professionali,  ecco che Huawei torna a far parlare negativamente di sé.

Come dimostra una foto del backstage postata su Instagram da Sarah Elshamy, protagonista dello spot, a scattare sia un professionista con tanto di reflex su tre-piede. La foto, che poi è stata prontamente rimossa, mostra chiaramente che la foto non proviene dallo smartphone.

Che tristezza…

Ma tornando al discorso di oggi, sembra infatti che UL Benchmarks abbia eliminato dal proprio database i risultati relativi ad alcuni terminali della casa cinese (Tra questi anche P20 Pro, Nova 3 e Honor Play, che Honor italia tanto si vanta nella propria pagina ufficiale Facebook, sfottendo liberamente Xiaomi). Questo è avvenuto perché, a causa di alcuni test interni, si è scoperto che i SoC dei terminali di Huawei operavano a frequenze più elevate rispetto al normale, senza tenere conto dei limiti termici (Il SoC opera ad un Wattaggio superiore a quello pubblicizzato) o ignorando le impostazioni di risparmio energetico (Il terminale consuma più di quanto impostato nel S.O.).

La prova che Huawei…Bara sulle prestazioni dei Kirin. Notate la grande differenza prestazionale con dati reali!

UL Benchmarks ha scoperto ciò dopo che alcuni utenti e testate giornalistiche hanno fatto presente come alcuni risultati fossero molto poco realistici (soprattutto considerando che la fabbrica di SoC Huawei è nata da pochissimo, sarebbe stato paradossale raggiungesse la qualità Qualcomm). Si è quindi proceduto ad effettuare i medesimi benchmark sia con l’utility scaricabile dal Google PlayStore, sia attraverso la medesima utility ma nominata in un modo diverso (In gergo “Cloacked benchmark” o “Private Benchmark”), così che il terminale non potesse riconoscere il programma in uso. Altre info sui benchmark qui.

Grazie a ciò, si è scoperto che i terminali Huawei ottenevano un punteggio del 47% inferiore con i test reali, rispetto a quelli pubblicizzati. Semplificando, Huawei ha svolto i benchmark overclocckando al massimo i propri processori, barando quindi completamente i test (qualsiasi CPU otterrebbe prestazioni senzazionali con OC a palla, peccato poi la batteria del terminale non duri nemmeno 1 ora).

Semplificando ancora, significa che i Kirin non sono poi così performanti e, sicuramente, non reggono minimamente il confronto con i processori Qualcomm (ma anche questo, a dire il vero, era abbastanza ovvio).

Insomma, Huawei si copre nuovamente di vergogna e, mentre molte testate giornalistiche continuano a coprire e vantare Huawei come se fosse uno dei migliori produttori in circolazione, sono contento di poter dire la verità, senza peli sulla lingua.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Kernel Linux 4.20 RC2 rilasciato con fix EXT4, Driver NVIDIA Turing USB-C

Il Kernel Linux continua ad essere rilasciato con una velocità impressionante, come al solito, e …