Home / Linux / #1 LINUX FA SCHIFO: la frammentazione perpetua
Torvalds vi saluta!

#1 LINUX FA SCHIFO: la frammentazione perpetua

Da tempo avevo in mente di aprire una rubrica speciale per Linux, qualcosa di unico nel suo genere (almeno spero), che prendesse bonariamente in giro il sistema operativo del pinguino, facendovi (ci) riflettere su alcune delle più grandi pecche/controversie del sistema operativo Open-Source che tanto amiamo.

Ci tengo a ribadire che il seguente contenuto non è da intendere come “ah ma ti stai lamentando di Linux?” ma invece come “mi hai fatto riflettere su un aspetto molto interessante, un aspetto migliorabile, facendomi anche fare 4 risate :D”.

NOTA: Se la prendete a male, siete liberi di andare altrove. O di chiamare il telefono azzurro.

Linux e la sua “frammentazione”: una bomba a mano?

Vi racconto una storiella breve. Molto carina eh, ascoltate bene, sarà stile cappuccetto rosso (senza il lupo)(senza cappuccetto rosso)(forse anche senza il cacciatore)(non sarà come cappuccetto rosso).

C’era una volta, in un server del web molto molto lontano (remoto?) una distribuzione Linux chiamata Debian. Debian era un sistema operativo di tipo GNU/Linux, completamente Open-Source e creato con amore da Ian Murdock e successivamente tutta la community. Il progetto andava meravigliosamente avanti, non esisteva sistema stabile come lui, così particolare, così Capostipite.

Un giorno però, le cose cambiarono. Così come non c’e pioggia senza nuvole o pane senza Nutella, avvenne un evento inaspettato: nacque una derivata, Ubuntu. Poi ne nacque un’altra, Kubuntu. Poi un’altra ancora, Xubuntu, poi ancora Lubuntu, a sua volta derivate di Ubuntu. Ma non solo: nacquero anche altre derivate, come Aptosid, Finnix, HandyLinux, MEPIS, PinguyOS, WattOS, PearOS, Bodhi Linux…..ecc, ecc, ecc (no, non sto starnutendo).

A sua volta poi, nacquero delle derivate delle derivate, di altre derivate di derivate già derivate. Sembra il quinto anno di liceo, l’ora di matematica.

Hai qualcosa contro le derivate? sono una cosa stupenda!

Concordo. In parte.

Si, le derivate sono la MASSIMA espressione delle infinite possibilità che offre il sistema operativo Linux, la massima espressione di come un sistema operativo possa fare da fondo alla creazione di incredibili ed appassionanti progetti.

Progetti portati avanti da due persone, vostro cugino ed il vostro bisnonno. In cantina, aggiornandolo ogni 5 anni (se va bene).

Le derivate stanno distruggendo Linux.

Ogni volta che nasce un sistema, a pinco pallino viene un’idea “bella questa distro! ma non mi piace la dock. Cambiamola e creiamo un’altra distribuzione!”. WOW. Vi prego, date un qualche tipo di premio a quell’uomo, un Nobel, due mazzate in testa, fate voi.

Le derivate (la maggior parte, non parlo di Ubuntu e delle principali derivate ufficiali) hanno 5 principali problemi:

  • Sono create e mantenute da 3 persone;
  • Sono spesso create per cambiare una piccolissima cosa ad una distro che esiste già (e che magari è meglio mantenuta);
  • Sono inutili (se crei una distro per cambiargli dock, non sei un genio, sei un cerebroleso);
  • Sono una perdita di tempo (possibilmente carichi tutto su GitHub/GitLab e fai sviluppare a qualcuno sul web qualcosina gratuitamente, facendogli perdere tempo che avrebbe potuto dedicare ad una distro più seria);
  • Tolgono serietà/% d’uso a Linux: “We Salvo, vorrei provare Linux, che distro mi consigli?” “ehm…vediamo…c’è HandyLinux che fa una banana…WattOS che nessuno ha capito a cosa serva…ecc.” Un utente che vuole provare una distro Linux, si trova COMPLETAMENTE perso (si, me incluso), navigando in un mare infinito fatto di distro con supporto zero e funzionalità molto simili. Un po’ come quando avete la Homepage di Google davanti e non sapete cosa cercare.

In definitiva, cosa consigli di fare?

Le derivate devono esistere, ma con un senso logico. Se volete cambiare una dock, vi installate una distro già esistente e la cambiate (o ve ne fate una per i fatti vostri e ve la tenete per voi, senza spacciarla per oro o per una novità).

Però vi prego: SMETTETELA di creare derivate cambiando minuzie. Smettetela. Si alla libertà, no alla stupidità.

Un numero sempre crescente di distribuzioni non fa altro che far nascere progetti inutili che andranno inevitabilmente a morire per mancanza di supporto, creando tra l’altro pure confusione all’utente che per la prima volta si affaccia a Linux.

Inoltre, senza queste infinite derivate di derivate, si potrebbero focalizzare le forze sul miglioramento di distribuzioni più serie e supportate.

A presto col prossimo episodio (?) di Linux Fa Schifo. 😛

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

ASUS inizia a vendere laptop Linux con Endless OS

Anche ASUS si unisce alla festa e, insieme a molti produttori già citati in precedenza …