Home / Linux / #4 LINUX FA SCHIFO: cosa diamine è un Tahr?
Nautilus, il nome in codice del File Manager di Ubuntu. Un nome utile.

#4 LINUX FA SCHIFO: cosa diamine è un Tahr?

So che a poco a poco vi state innamorando di questa rubrica, a tal punto che sono preoccupato di ricevere qualche mazzo di fiori fuori (fiori-fuori, eh, EH) dalla porta, e-mail piene di frasi erotiche o addirittura di essere stalkerato mattina e sera.

Ma so che siete impegnati a stare incollati davanti allo schermo del vostro PC, tutti lì, vicini vicini al monitor, a impartire i più svariati comandi da terminale nella speranza di risolvere i più banali piccoli problemi/carenze della vostra personalissima distribuzione Linux, quindi non mi preoccupo più di tanto (ma i fiori potete mandarli lo stesso eh, anche se preferirei uno Xiaomi Mi MIX 2S onestamente, ma fate voi).

Ora, tornando seri, l’argomento di oggi prenderà sotto mano una questione non problematica sotto il punto di vista pratico, ma probabilmente degradante sul punto di vista lessicale.

Al solito, prima di iniziare, DEVO introdurre una premessa (per evitare di finire come Giovanna d’Arco), ci tengo a ribadire che il seguente contenuto non è da intendere come “ah ma ti stai lamentando di Linux?” ma invece come “mi hai fatto riflettere su un aspetto molto interessante, un aspetto migliorabile, facendomi anche fare 4 risate :D”.

Ubuntu, Fedora: porca miseria!

Ok. Creiamo un programma. Partiamo dalle basi, gli facciamo i le fondamenta, poi impastiamo un po’ di cemento, spalmiamo di cazzuola e assembliamo i mattoni. Per finire, lo rivestiamo per bene e gli mettiamo anche un nome, che dite? Uno ufficiale ed uno in codice, un nick, un nomignolo. Ottimo! Ma come lo chiamiamo?

*genio di turno* “Trusty Tahr!”

allora io sono contento che tu, poeta oltreconfine, ti sia prodigato tanto nella ricerca di un animale sconosciuto che vive sui monti dell’Himalaya strettamente imparentato con la capra selvatica, ma sarebbe meglio conservar tanti neuroni per qualcos’altro.

Ora però, il problema non si ferma mica a una sola versione di Ubuntu (14.04 Trusty Tahr) ma si estende a tutte le edizioni, con nomi uno peggiore dell’altro. Giusto per non escludere nessuno, vi mostro una piccola immagine di tutti i nomi in codice delle varie edizioni di Fedora:

Nomi in codice….su Fedora.

c’è qualcosa di raccapricciante in questi nomi, non trovate? Heisenbug? Spherical Cow? Bordeaux? Che tipo di droghe avete assunto durante l’assegnazione dei nomi?

Fortunatamente (chissà perché) il team di Fedora ha deciso di eliminare completamente la strategia dei nomi dal rilascio 21 in poi (che qualcuno abbia licenziato quello che li dava? che abbiano tagliato la partita di droga? Non si sa).

Ora, è palese che questo capitolo della rubrica LINUX FA SCHIFO sia più per farvi fare due risate che altro, però riflettendoci bene, che bisogno c’è di creare certi nomi assurdi? (in realtà sono stupendi, continuate a farli!)

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Gli sviluppatori di Fedora si chiedono quale sia il miglior Scheduler I/O

Ok. Ci risiamo con i quesiti del team della distro Linux Fedora, sempre una spanna …