Finalmente, dopo ben 4 anni di “sviluppo”, AMD fa letteralmente tremare i piani di Intel, che ha già sfornato diverse generazioni di CPU e le ha immesse sul mercato (tre generazioni quasi completamente identiche, sad story Intel). Liza Su, ha svelato finalmente AMD RYZEN, ovvero CPU AMD con core ZEN (di cui vi avevo approfondito con voi qui) con delle specifiche davvero eccezionali che vedrete più avanti nell’articolo.

CPU RYZEN: Cosa offrono e quando saranno disponibili?

Avverrà tutto il primo trimestre 2017 (almeno per i sistemi desktop). Parliamo di ben 8 Core e 16 Threads, frequenza operativa di 3.4 GHz (con un TDP bassissimo), 20MB di cache complessiva negli 8 Core, di cui 16MB L3 unificata ed i restanti 4MB divisi in blocchi uguali tra i core complessivi. Piattaforma AMD AM4. Le altre specifiche purtroppo non sono state ancora rilasciate.

Tuttavia, tra le altre speciali novità, troviamo delle nuove tecnologie implementate in questi nuovi processori (realizzati da zero, cambiandone completamente l’architettura interna), che vengono catalogate come SenseMI technology, di cui:

  • Pure Power, ovvero un sistema che ottimizza i consumi monitorando temperatura, frequenza di clock e alimentazione in real-time;
  • Precision Boost, lavora a stretto contatto con la tecnologia precedentemente citata e controlla margini di alimentazione e temperatura fornendo potenza addizionale tramite un occasionale overclock della CPU;
  • Extended Frequency Range è una tecnologia pensata per gli smanettoni del PC, infatti apre varie possibilità di modifica sulla CPU per quanto riguarda la velocità di clock aumentando il range di ottimizzazione overclock
  • Neural Net Prediction, è un algoritmo real-time che “impara” le azioni più frequenti dell’utente prendendo a sua volta decisioni quali il pre-caricamento di alcune istruzioni;
  • Smart Prefetch, lavora come la Neural Net Prediction cercando di anticipare quali dati saranno richiesti dalla CPU

Qualche altra chicca in attesa del rilascio ufficiale?

I processori RYZEN sono ancora in sviluppo e verranno ottimizzati al meglio per l’uscita ad inizio 2017. Sono già stati svolti dei test e sembra che al momento, uno dei prototipi RYZEN, col clock al minimo, abbia le stesse prestazioni del top di gamma Intel, ovvero l’i7 6900K (che costa oltre 1000 euro).

Inoltre, sembra che i processori aumenteranno la propria frequenza operativa automaticamente, in base alle temperature che rileveranno (quindi se avete un bel sistema di raffreddamento, RYZEN darà il meglio di sé).

Non perdetevi inoltre il video evento ufficiale New Horizon: