Pochi giorni fa mi sono arrivate alcune ventole aggiuntive da montare sul PC. Purtroppo, una delle ventole pre-integrate del case, nel momento in cui arrivava ai massimi giri/RPM, cominciava a lanciare degli stridolii e produrre strani rumori, cosa che mi ha quindi portato ad eliminarla dal computer.

Cosa farne? Buttarla? una ventola? non mi sembrava il caso. Avevo a disposizione anche un cavo USB Maschio/femmina da buttare perché ormai vi passava solamente la corrente. Beh, potete immaginare cos’è successo.

Vi mostro come creare una ventola USB da collegare al dispositivo bollente che preferite, nel mio caso al modem che, con questo caldo estivo, prendeva fuoco.

NOTA: Le porte USB, tipicamente, erogano max 5v (circa 500 mA). Le ventole in commercio sono quasi tutte da 12v. Ciò significa che girerà ad una velocità inferiore di quella massima.

Creare una ventola USB: materiale necessario

  • una ventola (va bene anche da 12v. Se ne avete una da 5 ancora meglio)(le dimensioni dipendono da dove volete applicarla);
  • un cavo USB, possibilmente maschio/femmina (se volete collegare la ventola ad un dispositivo che ha una porta USB);
  • forbicine;
  • nastro adesivo isolante.

Costruire una ventola USB: procedimento

  • Prendete la ventola. Probabilmente, come collegamento, avrà il classico 3/4 pin o una porta Molex (o entrambi). Tagliate uno dei due collegamenti e sguainate/spellate i fili presenti (possibilmente un 3/4 cm per evitare di doverli sguainare nuovamente in caso di taglio accidentale);
  • prendete il cavo USB e tagliate l’estremità opposta dell’attacco di tipo maschile. Quest’ultimo deve rimanere intatto e funzionale. Sguainate quindi anche queste estremità. Di norma ci sono 4 fili di colori diversi. Sguainate solamente il nero ed il rosso (dediti solo al passaggio della corrente);
  • intrecciate tra di loro le estremità del cavo USB nero e rosso con le estremità dei fili della ventola sguainati. Non essendoci, probabilmente, i colori nei fili della ventola, andate a prove (sono 3, in caso di errore cambiate un filo e andrà alla grande).
  • sigillateli meglio che potete col nastro isolante, magari tagliando le estremità inutili una volta testato il funzionamento della ventola;
  • Fatto! Collegate ora la ventola con la presa USB al dispositivo che volete raffreddare e girerà al massimo a 5v, di conseguenza ad una velocità inferiore della massima possibile.

Risultati/Esempio applicativo:

P.S.: Vi consiglio di girare la ventola in maniera da soffiare l’aria fredda direttamente sul dispositivo interessato.

CONDIVIDI
Articolo precedenteCome ricevere like infiniti su Instagram!
Articolo successivoKernel Linux 4.12 ufficialmente rilasciato!
Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.