Redox: nasce il sistema operativo (da 26 MB) Unix-like scritto in Rust!

Ancora una volta, subito dopo l’incredibile annuncio di UbuntuBSD, il branco dell’informatica continua a stupirmi ed elettrizzarmi, e sappiate che davvero poche cose riescono a farlo. Nasce un sistema operativo di nome Redox, che mi riporta ai tempi della scuola ad indirizzo chimico. Vediamo di cosa si tratta più nello specifico.

Redox è un sistema operativo Unix-like (non osate chiamarlo Linux, BSD o Mac) scritto interamente nel linguaggio di programmazione chiamato Rust, sviluppato appositamente per favorire il parallelismo e la sicurezza (di cui fino a ieri non conoscevo nemmeno l’esistenza) ed integra un micro-kernel al suo interno.

Redox os orbital
Redox OS con Orbital in esecuzione.

Ciò che lo rende veramente interessante, e soprattutto che porta il sistema operativo ad essere considerato, magari un domani, un OS next-gen (e qui non si scherza) sta appunto nel linguaggio di programmazione usato, unico nel suo genere. Troviamo, fortunatamente, nell’ISO dal peso di soli 26 MB, una GUI opzionale chiamata Orbital, per poter almeno apprendere un po’ ciò che troviamo all’interno di questo sistema che comunque supporta i principali comandi Unix. Sembra sia inoltre in sviluppo il supporto per il filesystem ZFS, che potrebbe essere quello di default. Trovate il Download e la Home di Redox OS a questo indirizzo.

Trovate inoltre il codice del progetto su GitHub.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Netrunner 20.01 festeggia i 10 anni di sviluppo!

La distro Linux tedesca basata su Debian non si fa sentire da un po’ (anche …