Home / News / Imparare l’inglese con gli strumenti tecnologici della rete

Imparare l’inglese con gli strumenti tecnologici della rete

Imparare l’inglese è una necessità che accomuna un numero di utenti sempre più ampio: che sia per lavoro, per viaggiare, per questioni personali cresce il dato di chi va alla ricerca di un corso di inglese facendosi aiutare dalla rete.
Perché ormai il mondo di internet ha stravolto totalmente abitudini e stili di vita al punto che, oggi come oggi, si vive connessi al web per gran parte della giornata. Ed è lì, in rete, che si ricercano strumenti adeguati per soddisfare i propri bisogni, in questo caso quello di apprendere la lingua inglese.

Le app per imparare l’inglese

Si pensi alle potenzialità che nascono dall’uso dello smartphone e delle relative app: un universo praticamente sconfinato all’interno del quale si può navigare alla ricerca di strumenti utili ad uno scopo preciso. Non soltanto l’aspetto ludico quindi, tramite app ci si può anche informare o formare su una certa materia.
Ed ecco allora che sul web è possibile avvalersi di una serie di strumenti per testare o migliorare il proprio livello di inglese. Citandone alcuni, può essere utile partire da un semplice test di inglese online per capire quale sia il proprio livello e scegliere poi di conseguenza: una serie di domande alle quali rispondere in tempo reale, anche da pc o da smartphone, per avere poi risposte circa il proprio livello di lingua. Per iniziare a testare il proprio livello di inglese è possibile collegarsi a questo sito e valutare rapidamente il proprio livello di conoscenza della lingua.

Strumenti digitali per apprendere una lingua

In linea generale il contesto digitale può essere un campo ricco di opportunità in ambito formativo anche dal punto di vista dello studio di una lingua. Può essere di grande utilità collegarsi a piattaforme di realtà anche piuttosto note, come nel caso della Bbc, ed andare alla ricerca di video in lingua madre, reperibili anche su canali tradizionali di condivisione video tra i quali, ovviamente, Youtube.

Così come può rivelarsi essere efficace un caro e vecchio concetto, quello di conversation, anche se trasposto ad un contesto più moderno, quindi multimediale. In rete è possibile praticare le lingue con scambi e dialoghi con persone di lingua straniera; ed anche in questo caso siti, app e finanche trasposizioni formative di social in rete non mancano.
Tutto quello che occorre è avere l’abilità e la pazienza di cercare lo strumento giusto, quello maggiormente adatto alle proprie esigenze; e di procedere poi dedicandovi tempo con cadenza periodica. Se si opera in questo modo il web e in generale le tecnologie multimediali potranno rivelarsi essere ottimi alleati per apprendere la lingua inglese.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Darktable 3.0 RC1 rilasciato con supporto Annulla/Ripristina!

Subito dopo la prima RC, ecco che gli sviluppatori di Darktable (di cui vi ho …