a card dealer holding a card in front of the players
Photo by Anna Shvets on Pexels.com

La storia di Keith Taft è interessante per chi intende giocare al Wazamba casino.

Negli anni ’60 Edward Thorpe ha insegnato a migliaia di giocatori come contare le carte nel blackjack e negli anni ’70 Keith Taft ha reso possibile a chiunque utilizzare questa strategia. L’innovatore ha creato un computer che calcola le probabilità e sceglie la mossa giusta: per vincere basta imparare a inserire i dati.  La storia di quest’uomo potrebbe essere interessante per chi ha intenzione di giocare al Wazamba casino: scopri di più su Taft prima di giocare al Wazamba casino.

I primi anni

Taft era cresciuto in una famiglia molto severa, quindi il gioco d’azzardo in casa era fuori discussione. Fin dall’infanzia, il giovane mostrava un interesse particolare per le invenzioni: la sua mente era occupata da meccanismi complessi. Dopo la scuola Keith si sedeva in garage per ore per creare qualcosa di nuovo da vecchie cianfrusaglie. Una volta lo scolaro realizzò un’auto per bambini a tre ruote, utilizzando un vecchio tubo di scarico come base.

Con l’età, la passione per la conoscenza non si è affievolita, così Taft continua gli studi all’università, dove consegue una laurea in fisica e musica. Dopo aver difeso il suo diploma, si dedica per 8 anni all’insegnamento. Dopo aver studiato fino al master, Keith si rende conto di non voler più lavorare nel campo della pedagogia.

Mentre era ancora studente, sposò Dorothy, la sua fidanzata del liceo. La coppia ebbe quattro figli. Terminati gli studi, Taft si trasferisce con la famiglia a Sunnyvale, in California. L’ex professore trova lavoro come ingegnere nell’azienda Raytheon.

Prima scommessa

La nuova posizione non si è rivelata come Keith aveva ipotizzato. Per la maggior parte del tempo va a lavorare, quindi non passa quasi mai del tempo con la sua amata. Alla ricerca di una soluzione, la coppia decide di organizzare una fuga: affida i bambini alla nonna per un po’ e va a Reno. Taft voleva andare a una mostra della collezione di auto di William Harrah. Quel giorno, tutti i visitatori ricevettero dei coupon per una scommessa gratuita al Casinò Harrah’s Club. Puoi anche scommettere gratuitamente al Wazamba casino scegliendo la modalità demo.

Nonostante la sua educazione, l’ingegnere e onesto padre di famiglia non riuscì a resistere alla tentazione e decise di entrare nella lussuosa sala. Ricordando quel giorno, Taft disse di essersi sentito come un vero indiano. Non sapeva nulla delle regole del gioco d’azzardo popolare. Per coincidenza, Keith scelse un tavolo di blackjack. Un po’ timido, l’ex professore chiese che gli venissero spiegate le regole. Il croupier gli illustrò i tagli delle carte, l’ordine di distribuzione, le opzioni e il risultato migliore: segnare 21 punti. Una combinazione del genere regala grandi premi agli ospiti del Wazamba casino.

“Frankenstein” per il blackjack

Dopo aver studiato le strategie di Thorpe, Taft passò subito alla pratica. L’ex professore era piuttosto bravo in matematica, ma per contare le carte in modo competente gli mancavano la concentrazione e la memoria a breve termine. Dopo 10 minuti dall’inizio, Keith poteva facilmente perdere il filo e fare scommesse sbagliate.

Invece di rafforzare le sue capacità di conteggio e di allenare la sua memoria, l’ingegnere decise di delegare questi compiti al computer. Il programma non avrebbe potuto dimenticare nulla, quindi il profitto potenziale sarebbe aumentato. L’ex professore si mise a creare una calcolatrice a 16 bit. Era destinato al blackjack, un gioco di carte oggi particolarmente popolare al Wazamba casino.

Keith decise di procedere di nascosto. Non si rivolse a specialisti, ma lesse manuali e saldò microchip ogni sera dopo il lavoro. Ci furono anche delle difficoltà tecniche: il pannello di controllo doveva essere posizionato sotto i suoi piedi in modo che le sue mani rimanessero libere di giocare. Quando l’ingegnere terminò il primo prototipo, si sedette sul ciglio della strada, annotando i numeri delle auto sul computer.

Nel 1972, Keith Taft tornò a Reno con suo figlio Marty e “George” per condurre i primi test con un croupier. Riuscirono ad arrivare alla porta del casinò prima che l’inventore iniziasse ad avvertire forti dolori alle gambe. Taft dovette annullare l’esperimento, tornare a casa e perfezionare il dispositivo.

Il bankroll aumentò nel corso di alcune settimane. Taft raggiunse i 4.000 dollari e poco dopo il piatto superò la soglia dei 10.000 dollari. Dopo l’eccitazione, l’inventore partì con un senso di cautela, dimenticando la gestione del rischio. Anche se il giocatore ha un vantaggio del 5-10%, non significa che vincerà sempre. Le grandi scommesse e una serie di perdite riportarono rapidamente Keith sulla terra: lasciò il casinò con le tasche vuote. Dopo la perdita, Taft condivise la storia con un giornalista del San Jose Mercury News.

Oltre il fair play

I computer di Taft divennero un personaggio “di massa”, perché in una stanza una squadra di giocatori professionisti poteva utilizzare 6-8 dispositivi contemporaneamente. I proprietari dei casinò hanno messo in campo quasi tutte le forze per combattere questi clienti: non solo sono stati cacciati dall’istituto, ma hanno anche condotto degli interrogatori. Una volta “David” è finito nelle mani dei servizi di sicurezza e poi direttamente all’FBI. Gli investigatori hanno concluso che l’uso di tali dispositivi non era vietato dalla legge.

Taft decide di utilizzare le nuove attrezzature nel casinò Marina di Las Vegas. La scelta non è stata delle migliori: di recente l’istituto ha ricevuto un messaggio su una possibile esplosione, quindi i gestori hanno rafforzato la sicurezza e la videosorveglianza. Le prime ore di Super Drop sono state fruttuose. Keith si è fermato in tempo e si è ritirato nella sua stanza, ma i suoi parenti volevano guadagnare ancora di più.

Quando il fratello di Taft ha lasciato il casinò e si è diretto verso il camion, la sicurezza del casinò lo ha seguito. Hanno trattenuto il giocatore sospetto. La polizia è arrivata pochi minuti dopo, ha perquisito il locale e ha sequestrato l’attrezzatura insieme ai soldi del premio. Il fratello e il cognato di Keith rischiavano la galera, ma l’ex professore è riuscito a farli uscire con la sospensione della pena. Tutti i partecipanti hanno ricevuto una macchia nera nella loro biografia.

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

Sharkoon Rebel C70 RGB: Eleganza è la parola d’ordine!

Sharkoon presenta un altro case ATX, stavolta però, in grande stile: abbiamo infatti un lussuosissimo …