Home / News / Chiamate i pompieri: Raspberry Pi 3 brucia!

Chiamate i pompieri: Raspberry Pi 3 brucia!

Abbiamo già visto insieme il nuovissimo Raspberry Pi 3, abbiamo notato come le prestazioni, sia dal punto di vista CPU che da quello GPU sono aumentate parecchio. Ma non sono tutte rose e fiori, infatti con l’aumento delle prestazioni è sorto un problema che si sono posti in tanti: è possibile che si debba utilizzare un’ottimo dispositivo ARM come questo senza dover chiamare i pompieri?

Il Raspberry Pi 3 brucia, è un dato di fatto: durante l’utilizzo, sia Phoronix che diversi altri siti hanno riscontrato temperature di utilizzo, dopo diversi test, molto vicine ai 100 gradi Celsius, temperature ovviamente al di fuori di ogni logica d’utilizzo.

Raspberry Pi 3 scalda

il problema sembra essere riconducibile alla scarsa qualità della pasta termica integrata. Ad ogni modo, è possibile risolvere acquistane una buona anche con soli 5 € (questo sito farà al caso vostro, male che vada cercate su Amazon). Grazie all’applicazione di una buona pasta termica, alcuni sono giunti al seguente risultato:

raspberry pi 3 brucia meno

ovvero si è riusciti a ridurne la temperatura di funzionamento a quasi la metà. La soluzione quindi è molto semplice, basta solo stare attenti ad attuarla prima di mettere le mani sul prodotto in fase Benchmark. State quindi attenti al RaspBerry Pi 3 ed alle sue temperature da Grill!

Via

Riguardo a: Salvo Cirmi (Tux1)

Un pinguino intraprendente che dopo diversi anni di "servizio" online (e soprattutto delle guide) ha acquisito conoscenze non di poco conto sui settori Android, Linux e Windows. Le mie specialità sono il modding e le review. Nel tempo libero (che è raro trovare) suono il piano, mi diverto effettuando modding e provando distribuzioni Linux, BSD ed altre.

Guarda anche..

KDE ha ora supporto ai desktop virtuali su Wayland

Grazie ad un dedicato e prolungato lavoro su KWayland/KWin, ora il supporto ai desktop virtuali è …